Cessione del quinto

Cessione del quinto
Mai sentito parlare di cessione del quinto? I prestiti con cessione del quinto sono finanziamenti a tasso fisso riservati a lavoratori dipendenti, pubblici e privati, che dimostrino di aver sottoscritto un contratto di lavoro a tempo indeterminato o risultino già in pensione.

Perché cessione del quinto? La rata mensile del prestito viene decurtata direttamente dallo stipendio o dalla pensione fino a un valore massimo pari a 1/5 della busta paga. Se siete lavoratori dipendente potreste aver accesso al cosiddetto “doppio quinto”, ovvero un aumento dell'importo fino a un massimo di 2/5 dello stipendio.

Quali sono le caratteristiche principali della cessione del quinto? Una di queste è sicuramente il tasso fisso formato da un rimborso che si articola in rate costanti. A differenza del prestito personale, nella cessione del quinto il pagamento del rimborso non è carico del richiedente ma del suo datore di lavoro, con una trattenuta operata al netto della busta paga o pensione.

Perché scegliere la cessione del quinto? Essendo un tipo di finanziamento assai garantito, l'ente finanziatore può disporre di maggiore flessibilità nell'esame delle richieste. Se si soddisfano i requisiti di ammissibilità, imposti sia al richiedente quanto al datore di lavoro, è altamente probabile che la cessione del quinto venga concessa.

Persino coloro che non godono una precedente storia creditizia eccellente possono vedersi accolte le loro domande di credito, purché rispecchino almeno tutte le richieste minime disposte dall'istituto o società di credito. Questo è un aspetto che rende la cessione del quinto la formula preferita dai cosiddetti “cattivi pagatori”, a cui è spesso preclusa la via del prestito personale.

Di cosa si ha bisogno per richiedere la cessione del quinto? L'apparato della modulistica varia a seconda della categoria di soggetti coinvolti. Nella maggioranza dei casi, oltre ai dati anagrafici e personali, devono essere esibiti in allegato: il certificato di stipendio, l'ultima busta paga e il benestare dell'azienda.